Sposarsi a Roma: “Circondati da amici e parenti”

Le Chiese rotonde di Roma

Roma, dal centro storico, all’ Appia antica è ricca di chiese e luoghi sacri dove celebrare le nozze, ma se volete essere al centro dell’attenzione anche fisicamente, consiglio di fare una scelta particolare.

La soluzione è in una chiesa a pianta circolare, in cui il centro siete voi!

Nel Mausoleo di Santa Costanza, sulla via Nomentana, sarà possibile ammirare gli sposi, scorgere un sorriso o asciugare una lacrima.

La bellezza e la particolarità fanno di Santa Costanza un luogo molto richiesto per la celebrazione di matrimoni, per cui per convolare a nozze in questo contesto “circolare”, è preferibile prenotare la data un anno prima delle nozze, soprattutto se ricade nei mesi di maggio, giugno, luglio e settembre.

Sposarsi a Roma, in una chiesa circolare di questo tipo può accogliere circa 130 persone e crea un contesto di vicinanza e raccoglimento con tutti gli invitati che possono assistere alla cerimonia da ogni angolo. Del mausoleo si apprezzano gli affreschi della volta, ma si nota la poca luminosità, un esatto e attento allestimento floreale, tonalità bianche, avorio, crema o rosa, creano la giusta atmosfera.

Essendo circolare la navata è quasi inesistente per cui la sposa in genere si prepara ad entrare dallo spazio antistante il mausoleo, dove è posteggiata l’auto sposi e talvolta anche le vetture dei genitori e dei testimoni.

Se invece il desiderio è quello di guardare in viso tutti gli invitatati, in centro a due passi dal Colosseo e al Circo Massimo, consiglio di andare a visitare Santo Stefano Rotondo al Celio, la seconda chiesa rotonda per sposarsi a Roma.

Scegliere Santo Stefano Rotondo significa invece,sposarsi, in una basilica dalle linee essenziali, da personalizzare ad hoc.

Ampia e luminosa, questa Basilica ha una capienza di 130 posti a sedere; le sedie per gli invitati sono di plastica marrone, quindi se si vuole è necessario un contributo alla chiesa per poterle coprire di un bianco panna, così come per le sedute degli sposi e dei testimoni.

Santo Stefano è una delle chiese più antiche di Roma, l’altare è al centro di un maestoso colonnato, sicuramente un luogo originale per sposarsi nella Città Eterna. Ci si può sposare al mattino alle 11.00 o il pomeriggio alle 16.00, si deve presentare con anticipo per trovare la data che si desidera disponibile, e il giorno delle nozze è consentito un piccolissimo ritardo da parte della sposa.

Una comodità rispetto a Santa Costanza può essere il parcheggio del Celio, pubblico, in parte a pagamento, ma considerando le altre basiliche nelle vicinanze meglio arrivare con un po’ di anticipo e godersi la cerimonia dall’ inizio.

È possibile scegliere l’allestimento floreale più congeniale, così come per la scelta della musica, ad eccezione dell’organo che qui non è presente.

Due soluzioni originali per sposarsi a Roma!

If you like it, share it! Email this to someoneShare on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Google+